Community » Forum » Recensioni

Isola di neve
4 1 0
D'Urbano, Valentina

Isola di neve

Milano : Longanesi, 2018

Abstract: 2004. A ventotto anni, Manuel sente di essere già al capolinea: un errore imperdonabile ha distrutto la sua vita e ricominciare sembra impossibile. L'unico luogo disposto ad accoglierlo è Novembre, l'isola dove abitavano i suoi nonni. Sperduta nel mar Tirreno insieme alla sua gemella, Santa Brigida - l'isoletta del vecchio carcere abbandonato -, Novembre sembra a Manuel il posto perfetto per stare da solo. Ma i suoi piani vengono sconvolti da Edith, una giovane tedesca stravagante, giunta sull'isola per risolvere un mistero vecchio di cinquant'anni: la storia di Andreas von Berger - violinista dal talento straordinario e ultimo detenuto del carcere di Santa Brigida - e della donna che, secondo Edith, ha nascosto il suo inestimabile violino. Del destino di Andreas e del suo prezioso e antico strumento si sa pochissimo. L'unico indizio che Edith e Manuel hanno è il nome di una donna: Tempesta. 1952. A soli diciassette anni, Neve sa già cosa le riserva il futuro: una vita aspra e miserabile sull'isola di Novembre, senza alcuna possibilità di fuggire. Figlia di un padre violento e nullafacente, Neve è l'unica in grado di provvedere alla sua famiglia. Tutto cambia quando, un giorno, nel carcere di Santa Brigida viene trasferito uno straniero. Sull'isola non si fa che parlare del nuovo prigioniero, ma la sua cella si affaccia su una piccola spiaggia bianca e isolata sui cui è proibito attraccare. È proprio lì che sbarca Neve, contravvenendo alle regole, spinta da una curiosità divorante. Andreas è il contrario di come lo ha immaginato. È bellissimo, colto e gentile come nessun uomo dell'isola sarà mai, e conosce il mondo al di là del mare, quel mondo dove Neve non è mai stata. Separati dalle sbarre della cella di Andreas, i due iniziano a conoscersi, ma fanno un patto: Neve non gli dirà mai il suo vero nome. Sarà lui a sceglierne uno per lei

51 Visite, 1 Messaggi
Daniela Ambrosi
268 posts

Primo libro di quest'autrice (e ultimo). Viste le recensioni positive mi sarei aspettata un capolavoro, la trama prende forma dopo 200 pagine che sembrano scritte senza avere un quadro completo del racconto, la scelta di nomi fittizi per le isole e non per la capitale personalmente non mi piace, non mancano carceri dismessi nel Tirreno bastava scegliere, alcuni termini nel linguaggio di giovani degli anni '50 proprio non combaciano con nessuna ricerca storica anche minima, le restanti 300 si lasciano leggere, i colpi si scena sono prevedibili, nel complesso una lettura senza pretese quasi piacevole.

  • «
  • 1
  • »

5390 Messaggi in 4307 Discussioni di 705 utenti

Attualmente online: Ci sono 14 utenti online